Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
26/03/2015
Riconoscimento delle reti innovative regionali: quasi al via le disposizioni operative
Clusters and Industrial Networks
La Rete innovativa regionale è l’elemento di novità espresso dalla Legge regionale 30 maggio 2014, n. 13 che ha suscitato interesse, stimolato partnership e permesso di realizzare nuovi progetti comuni tra imprese. Ma quali di questi saranno riconosciuti? Le risposte saranno disponibili a breve: è infatti in fase di approvazione da parte della Giunta Regionale il provvedimento attuativo a disciplina delle modalità operative di riconoscimento delle reti innovative regionali del Veneto.

Prevedendo la realizzazione di un sistema strutturato di imprese e soggetti pubblici e privati diffusi su tutto il territorio regionale, operanti anche su scala multisettoriale e transettoriale, la rete andrà ad operare sulla filiera (e sulla frontiera) dell’innovazione perseguendo le traiettorie di sviluppo ritenute prioritarie dalla politica strategica regionale. La rete innovativa costituisce un sistema di imprese e soggetti pubblici e privati, presenti in ambito regionale, ma non necessariamente con sede in territori contigui, che operano anche in settori diversi e sono in grado di sviluppare un insieme coerente di iniziative e progetti rilevanti per l’economia veneta.

Ciascuna Rete innovativa regionale dovrà prevedere una partnership collaborativa con i centri di ricerca, le università e le istituzioni della conoscenza, a sostegno di programmi che prevedono interventi volti alla ricerca, all’innovazione e al trasferimento di conoscenze e competenze anche tecniche. Dovrà essere rappresentata da un soggetto giuridico con sede legale e operativa localizzata nel territorio della Regione del Veneto, essere coerente con le priorità e gli obiettivi individuati dalla politica regionale in tema di ricerca e innovazione, nonché con gli indirizzi individuati nella Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente.
Per essere riconosciuta necessità poi di una proposta di programma che metta in risalto:
  • i soggetti partecipanti, il valore aggiunto derivante dall’aggregazione, la vision condivisa e le specifiche competenze che ciascun soggetto potrà apportare;
  • le interconnessioni con la Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente, tenendo in considerazione gli ambiti di specializzazione intelligente e le relative potenzialità di sviluppo;
  • gli obiettivi misurabili e realistici che si intendono perseguire;
  • le proposte progettuali da concretizzare;
  • i risultati che ne conseguono, le possibili ricadute sul territorio in uno scenario futuro in linea con gli obiettivi dichiarati;
  • l’articolazione temporale degli obiettivi e delle proposte progettuali ripartita su base almeno biennale.

Ulteriori informazioni e le stesse disposizioni operative saranno a breve pubblicate nella sezione reti innovative regionali e sul sito istituzionale della Regione del Veneto.