Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
26/05/2015
Integrazione fra i settori tradizionali e nuove tecnologie: un altro passo della Smart Specialisation Strategy
Clusters and Industrial Networks
Dal settore agroalimentare al manifatturiero, dal sistema casa alle industrie più creative: i pilastri della politica industriale futura del Veneto in tema di Smart Specialisation Strategy discussi all’incontro 7 maggio a Padova. Le parole chiave per vincere la sfida della competitività? Ricerca e innovazione.

Nuovo step per la specializzazione intelligente: ampio riscontro dal pubblico in sala, e non solo, all’incontro di avanzamaneto sulla Smart Specialisation Strategy. Numerosi i contatti in collegamento streaming, così come la partecipazione di aziende, associazioni di categoria, centri di trasferimento tecnologico, centri di ricerca, università, rappresentanti di enti pubblici e cittadini.
Grazie all’utilizzo di un’innovativa piattaforma interattiva il pubblico ha potuto rapportarsi direttamente con i relatori, ponendo domande e suggerendo spunti di riflessione.


Nel corso della presentazione sono state portate come esempio quattro imprese che, grazie a strategie innovative, hanno ottenuto livelli di eccellenza nei quattro ambiti di specializzazione intelligente su cui si incentra la strategia regionale: Smart Agrifood, Smart Manufacturing, Sustainable Living, e Creative Industries. Le case history aziendali menzionate sono: Loison Pasticceri dal 1938, azienda artigiana dolciaria fondata nel 1938 dalla famiglia omonima; Lago S.p.A., azienda di mobili di design italiano; Came Group, azienda che produce la più ampia gamma di automazioni per ingressi residenziali e industriali, per parcheggi e controllo accessi, compreso lo sviluppo di sistemi domotici e antintrusione; D’orica S.r.l., azienda orafa nata in una nicchia del distretto orafo e argentiero di Vicenza. Quest’ultima ha presentato il suo progetto “La rinascita della via della Seta” a Bruxelles presso la sede della Commissione Europea, all’interno dell’evento “GrowyourRegion” dedicato ai cluster (gruppi di imprese localizzate che cooperano insieme) e alle smart specialisation. Candidato dalla Regione del Veneto, unico selezionato in Italia, questo progetto sarà preso ad esame per ricavarne delle best practices per il settore Ricerca & Innovazione comunitaria da diffondere alle imprese dei 28 Stati membri.

Oltre alle domande poste dal pubblico ai relatori, l’evento è stato animato da sondaggi rivolti ai partecipanti.


Dalla platea è emersa una chiara ed evidente richiesta di semplificazione normativa delle procedure messe in atto per la concessione dei contributi, vissuta come una priorità assoluta da oltre il 70% dei presenti. 


Allo stesso modo, il 70% del pubblico ha segnalato la necessità di proseguire sulla strada dell’aggiornamento degli strumenti d’incentivazione a sostegno dell’attuazione delle strategie d’innovazione e d’internazionalizzazione.