Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
22/12/2016
Ricerca, sviluppo tecnologico, innovazione, distretti e reti: la nuova programmazione regionale entra nel vivo. Intervento dell'Assessore Roberto Marcato.
Clusters and Industrial Networks

114 milioni di euro disponibili sull’Asse 1, l’asse della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell’innovazione per le PMI venete e per le loro aggregazioni e reti innovative, 170 milioni di euro disponibili sull’Asse 3 che comprende politiche specifiche per il rilancio dei distretti industriali e, sempre per quanto riguarda i fondi gestiti anche dall’Assessorato allo Sviluppo Economico ed Energia, 92 milioni di euro sull’Asse 4 relativo alla sostenibilità energetica e qualità ambientale.
Ai primi bandi di finanziamento già attivi e relativi all’incentivazione alla nascita di nuove imprese, delle start up innovative, all’inserimento di ricercatori per il sostegno a progetti di ricerca promossi dalle imprese, si aggiungerà a breve il bando per il finanziamento di progetti di ricerca industriale, di sviluppo sperimentale e di innovazione di processo realizzati dalle Aggregazioni di impresa, che dà attuazione alle azioni 1.1.4 e 3.3.1 del POR FESR del Veneto.
Ma non solo. Nel 2017, le reti innovative regionali e i distretti industriali vedranno finanziati i propri programmi di sviluppo. Proprio in questi giorni sono in svolgimento incontri tra le reti innovative regionali già riconosciute, o in perfezionamento, e tra i distretti industriali che già hanno identificato un soggetto giuridico che li rappresenta nei rapporti con la Regione per un confronto sugli indirizzi programmatici da sottoporre all’esame della Giunta regionale. La Regione chiede infatti uno sforzo condiviso per la definizione di una programmazione di breve e di medio periodo che possa essere tradotta in bandi attuativi in grado di finanziare i progetti esecutivi realizzati dalle imprese retiste e distrettuali. Naturalmente, il canale privilegiato di finanziamento è rappresentato dalla considerevole disponibilità finanziaria garantita dai fondi comunitari.
La sfida è quindi lanciata: la Regione Veneto mira ad attuare politiche di sviluppo economico efficaci e di grande impatto per la competitività delle imprese e dei settori produttivi. Si punta anche sull’efficienza degli uffici regionali per garantire tempi rapidi nel pagamento dei contributi per tutti gli interventi ammessi al finanziamento pubblico.

Sono quindi gettate le basi per un 2017 di grande operatività e perciò colgo l’occasione per inviare i più cordiali Auguri di Buone Feste agli imprenditori e a tutti i soggetti che concorrono allo sviluppo della nostra regione, con l’auspicio che il 2017 possa essere un anno ricco di opportunità da cogliere.