Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
31/07/2017
Legge regionale n. 13/2014 & POR-FESR 2014-2020: i nuovi bandi per i Distretti Industriali e le Reti Innovative Regionali.
Clusters and Industrial Networks

Con DGR n. 1104 del 13 luglio 2017, la Giunta regionale ha approvato il Bando per il sostegno a progetti di promozione dell'export sviluppati dai distretti industriali e dalle reti innovative regionali che attua l’azione 3.4.1 del POR-FESR Veneto.

Sono disponibili 3 milioni di euro per il sostegno a progetti che prevedono lo sviluppo di percorsi di internazionalizzazione volti a favorire l’accesso e l’espansione delle PMI sui mercati esteri, l’acquisizione di un “Temporary Export Manager" per l’avvio di un percorso d’internazionalizzazione, la realizzazione di iniziative che comprendono la partecipazione a manifestazioni fieristiche da parte del sistema distretto industriale o della rete innovativa regionale, progetti volti ad introdurre o rafforzare la dimensione e-commerce del distretto industriale o della rete innovativa regionale e a creare canali di incontro tra domanda e offerta.

Ciascuna proposta progettuale dovrà prevedere una spesa compresa tra 60.000,00 euro e 300.000,00 euro. L’intensità del sostegno, in conto capitale, è pari al 50% della spesa per cui l’ammontare di contributo concedibile sarà fino a 150.000,00 euro. Il sostegno viene concesso ai sensi del Regolamento UE n. 651/2014, articoli 18 e 19.

Sono ammesse le seguenti categorie di spesa:

  • Consulenze specialistiche di internazionalizzazione o di business;
  • partecipazione a fiere:
    • spese di locazione;
    • spese di installazione;
    • spese di gestione dello stand
  • spese per garanzie, al fine di contribuire sui costi della fidejussione qualora si intenda ottenere il pagamento anticipato della quota del 40% del sostegno concesso.

Ogni progetto deve essere realizzato da almeno 3 imprese di dimensione PMI facenti parte di un distretto industriale o di una rete innovativa regionale. In Appendice 1 al bando (Allegato A alla DGR n. 1104/2017) è riportato l’elenco dei 17 distretti industriali del Veneto, comprensivo dei riferimenti di contatto del soggetto giuridico rappresentante ciascun distretto, dei comuni che lo compongono e dei codici delle attività economiche (ATECO) che qualificano la filiera distrettuale e che stabiliscono se l’impresa è appartenente al distretto ed è quindi ammissibile alla partecipazione al bando. I progetti invece riferiti a una rete innovativa regionale devono essere realizzati da almeno 3 imprese che hanno aderito a una rete innovativa regionale riconosciuta dalla Regione Veneto.

La domanda di sostegno viene presentata per il tramite del soggetto giuridico che rappresenta il distretto industriale o la rete innovativa regionale a cui si riferisce la proposta progettuale. Le domande di sostegno riferite ai distretti industriali possono anche essere presentate da un’impresa capofila di un raggruppamento temporaneo di imprese del distretto: in tal caso il soggetto giuridico che rappresenta il distretto deve rilasciare all’impresa capofila un parere di conformità della proposta progettuale riguardo alla programmazione distrettuale.

Il termine per la presentazione delle domande è fissato alle ore 17.00 del giorno 5 ottobre 2017.

Le domande devono essere presentate attraverso la piattaforma informatica regionale SIU. L’iter di selezione prevede una procedura valutativa a graduatoria: l’ammissione al sostegno avverrà sulla base dell’ordine determinato dal maggior punteggio conseguito fino ad esaurimento dello stanziamento.

Tutti i progetti devono concludersi entro il 16 luglio 2018.

Vai alla pagina di download del bando

Il secondo bando per i distretti industriali e per le reti innovative regionali è stato invece approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 1139 del 19 luglio 2017 “Bando per il sostegno a progetti di Ricerca e Sviluppo sviluppati dalle Reti Innovative Regionali e dai Distretti Industriali”.

Il bando riguarda l’Azione 1.1.4 “Sostegno alle attività collaborative di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi” del POR FESR 2014-2020.

Sono disponibili 20 milioni di euro per il sostegno a progetti di Ricerca industriale e/o Sviluppo sperimentale coerenti con la Strategia di Specializzazione Intelligente - RIS3 Veneto, in grado di percorrere le riferite traiettorie di sviluppo e tecnologiche sui 4 ambiti: Smart Agrifood, Sustainable Living, Smart Manufacturing e Creative Industries .

Ciascuna proposta progettuale dovrà prevedere una spesa di almeno 500.000,00 euro. L’intensità del sostegno, in conto capitale, è tra il 40% e il 70% della spesa ammessa sulla base della tipologia progettuale e dei soggetti coinvolti e fino a un ammontare massimo di euro 3.000.000,00 di contributo per progetto. Il sostegno viene concesso ai sensi del Regolamento UE n. 651/2014, articolo 25.

Partecipano a ciascun progetto:

  • Almeno una impresa di dimensione PMI facente parte di un distretto industriale o di una rete innovativa regionale
  • Almeno un “organismo di ricerca”

In aggiunta, possono partecipare anche le grandi imprese.

Tali soggetti conferiscono mandato con rappresentanza al soggetto giuridico riconosciuto dalla Giunta regionale quale rappresentante il distretto industriale o la rete innovativa regionale di riferimento che procede a presentare la domanda di sostegno e, in caso di ammissione, a sottoscrivere con la Regione del Veneto uno specifico “Accordo per la Ricerca e lo Sviluppo” volto a riassumere e regolare le modalità di attuazione del progetto approvato e il suo monitoraggio.

Le domande di partecipazione potranno essere presentate dal 1° agosto 2017 fino alle ore 17.00 del 17 ottobre 2017 e possono riguardare progettualità di R&S riferite anche a più distretti industriali, a più reti innovative regionali, o in sinergia tra loro.

Il contributo potrà essere pagato in più quote in acconto in base allo stato di avanzamento delle attività e ad avvenuto conseguimento degli obiettivi intermedi, oltre alla possibilità di chiedere una quota immediata in anticipo del 40% del sostegno concesso su presentazione di garanzia fideiussoria.

Sono ammesse le seguenti categorie di spesa:

  • Spese di personale dipendente;
  • Strumenti e attrezzature (quote di utilizzo);
  • Costi relativi agli immobili (quote di ammortamento);
  • Consulenze specialistiche e servizi esterni;
  • Spese per la realizzazione di un prototipo;
  • Spese generali;
  • Spese per garanzie.

Le domande devono essere presentate attraverso la piattaforma informatica regionale SIU. L’iter di selezione prevede una procedura valutativa a graduatoria: l’ammissione alla fase di conclusione dell’Accordo per la Ricerca e lo Sviluppo e la conseguente concessione del contributo avverrà sulla base dell’ordine determinato dal maggior punteggio ottenuto e fino ad esaurimento dello stanziamento.

I progetti non dovranno superare la durata di 36 mesi.

Vai alla pagina di download del bando