Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
Clusters and Industrial Networks
02/07/2013
Più forza alle imprese venete con +credito
Clusters and Industrial Networks
Più credito per le imprese che si battono contro la crisi. Con questa prospettiva e questo obiettivo, laRegione Veneto, assieme a Veneto Sviluppo e con la collaborazione degli istituti di credito e dei Confidi, sta lanciando in questi giorni una nuova misura di riassicurazione del credito su finanziamenti già garantiti dai Confidi.

750 milioni di affidamenti a favore delle piccole e medie imprese del Veneto, garantiti dai Confidi, attraverso un nuovo strumento di “riassicurazione del credito”. 
Una nuova misura a favore delle PMI, che nonostante le difficoltà del tempo di crisi hanno saputo mantenersi sane agli occhi degli interlocutori finanziari, dei fornitori e dei propri dipendenti e collaboratori, ma che possono trarre beneficio dal “tirare il fiato” dal credito grazie alle tre linee di intervento previste: la linea A che prolunga i tempi di rientro dal credito; la linea B che consolida l’indebitamento a breve e medio termine; e la linea C che permette di ottenere finanza addizionale o il rinnovo delle linee in scadenza (www.piucredito.veneto.it). 
Gli importi stanziati, nel rispetto della normativa “de minimis”, vanno dai 300.000 euro di importo massimo delle operazioni bancarie riassicurabili per ciascuna linea ai 400.000 euro di importo massimo delle operazioni bancarie riassicurabili per impresa, nel caso di utilizzazione di più linee.

Alla riassicurazione sono riservati dalla Regione 16 milioni di euro nell’ambito della dotazione del Fondo Regionale di Garanzia. Una decisione varata all’unanimità con delibera della Giunta Regionale n. 714 del 14 maggio scorso, che ora entra definitivamente in vigore.  
Si tratta di misure importanti di cui la Regione del Veneto si fa garante, con e per le imprese, nella relazione con Banche, Confidi e Associazioni di Categoria per aiutarle a realizzare ciò che hanno già messo in moto per continuare ad investire nel futuro economico del nostro Paese e della nostra Regione.